Marce le “casette” del post sisma: dopo i tetti di Visso tocca ai pavimenti di Muccia – VIDEO

MUCCIA – Carla Bartoccetti e suo padre anziano sono di nuovo fuori casa. C’è trambusto nella soluzione abitativa di emergenza a loro assegnata: i pannelli del pavimento, gonfi d’acqua, si sbriciolano come un biscotto.
Gli operai sono intervenuti in diverse casette del post sisma, almeno una ventina, che in località Pian di Giove a Muccia hanno avuto danni per l’umidità sotto ai pavimenti: in alcuni casi sono venuti fuori muffe e miceti, simili a dei funghi. In altri si sono allargate le fughe tra una listarella e l’altra del parquet e camminandoci sopra si avvertono avvallamenti sospetti. Dopo il caso delle circa 50 sae di Visso targate Consorzio Arcale con i pannelli del tetto rovinati ora tocca ai pavimenti di quelle costruite dall’altro consorzio che si è aggiudicato l’appalto per le soluzioni abitative di emergenza, il Cns. Sulle cause non è chiaro se le strutture abbiano preso acqua e neve durante le fasi di costruzione oppure se sia un problema idraulico, per delle perdite d’acqua. In ogni caso c’è amarezza e sconforto, dopo due anni di paura e disagi causati dal terremoto. Senza contare che le circa 1900 “casette” costruite nelle Marche sono costate alla Protezione Civile nazionale più di 200 milioni di euro.
http://www.etvmarche.it/2018/11/19/marce-le-casette-del-post-sisma-tetti-visso-tocca-ai-pavimenti-muccia-video/